Storia della filosofia moderna. Da Cartesio a Hegel e Rosmini

SA 2021-22 - Ects: 6

Parte generale – Prof. Markus Krienke

Obiettivo: si percorrono i principali filosofi dell’età moderna da Cartesio a Hegel e Rosmini, concentrandosi sulle loro idee intorno al soggetto, all’assoluto e alla libertà.

Descrizione: il pensiero moderno viene presentato come problema del soggetto in rapporto all’assoluto, tematizzando in modo particolare l’evoluzione delle categorie della metafisica (soprattutto la sostanza e la causalità) attraverso i vari paradigmi da Cartesio fino a Hegel e Rosmini. In tal modo la modernità filosofica è caratterizzata da una serie di confronti profondi con l’intera gamma dei problemi metafisici, da posizione critiche e affermative di metafisica, che possono essere letti tutti in una prospettiva di filosofia cristiana.

Metodologicamente, si presentano gli autori centrali per l’evoluzione del pensiero moderno tramite l’analisi di una o due delle loro opere principali. Una scelta di tesi e una dispensa completa saranno messe a disposizione.

Bibliografia essenziale:

  • Costantino Esposito/Pasquale Porro, Filosofia moderna, Laterza, Roma-Bari 2011.
  • Leonardo Messinese, Il problema di Dio nella filosofia moderna, Lateran University Press, Città del Vaticano 2017.
  • Sofia Vanni Rovighi, Storia della filosofia moderna, con la collaborazione di A. Bausola, 2 voll., La Scuola, Brescia 1976-1980.

Parte monografica – Dr. Samuele Tadini

La New Atlantis di Francis Bacon: filosofia, scienza e politica fra utopia e profezia

Obiettivo: proporre una lettura della Nuova Atlantide di Francis Bacon alla luce delle intuizioni del filosofo inglese non solo a partire dal suo nuovo metodo scientifico, ma anche in relazione al significato delle sue grandi aspettative per una progressione dell’umanità verso il bene e il sapere.

Contenuto: il corso è rivolto principalmente a studenti desiderosi di conoscere le idee fondamentali di Francis Bacon espresse nella sua opera apparentemente più nota e incompiuta, in cui filosofia, scienza e politica sembrano concorrere alla realizzazione di un progetto utopico e profetico che mostra il volto di una modernità tutta rivolta alla capacità di trasformare la stessa realtà. Platone pensava ai filosofi come reggenti della sua Repubblica, Tommaso Campanella pensava ad un sacerdote nella sua Città del Sole, che svolgesse il medesimo compito, mentre Bacon, animato da quel pragmatismo che diverrà proverbiale nel contesto più tipicamente inglese, pensa agli scienziati, e a costoro affida la guida del suo Stato Ideale: utopia o profezia?

Bibliografia essenziale:

  • Francis Bacon, Nuova Atlantide, a cura di Giuseppe Schiavone, BUR Classici, Milano 2020.
  • Guido Giglioni, Francesco Bacone, Carocci, Roma 2011.
  • Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite durante il corso.

Didattica: lezioni frontali con l’aiuto di mezzi didattici (power-point, schemi…), dopo ogni lezione viene messo a disposizione un breve riassunto.

Modalità di valutazione: esame orale di 20 minuti, compresa la presentazione di un tema da parte dello studente della durata di ca. 4-5 minuti; le modalità dettagliate dell’esame saranno comunicate nella prima lezione.